Spoiler Alert

Tag

spoiler-alert-a-supercut-of-the-660x330

Come penso molti di voi sapranno già, ci sono momenti in cui La Strega smette i pregiati panni magici e ne indossa di più seri, per scrivere in via ufficiale, fuori da questo blog.
A dire la verità, non è che io smetta mai di essere Strega; un po’ come quando Superman si traveste da Clark Kent, io mi faccio passare per persona seria e senza grilli per la testa. In questi momenti scrivo per una testata online di arte, cultura e spettacolo grazie alla quale da un paio d’anni ho finalmente avuto la possibilità di tornare a frequentare il teatro. Recensisco spettacoli teatrali,  le nuove uscite libresche e le mostre d’arte che si tengono nell’area della mia amata, amatissima Milano, con qualche occasionale trasferta per eventi imperdibili. Vi ricordate la Jerusalem di Parma, vero?

Il teatro, sia che si tratti di pezzi classici che di inediti, è in ogni caso oggetto di gran parte dei miei articoli seri, che pare siano generalmente apprezzati dagli addetti ai lavori, con l’eccezione di qualcuno tra i più pignoli membri della categoria. Capita in effetti che dall’ufficio stampa di certi teatri io riceva delle istruzioni che eufemisticamente e diplomaticamente definirò particolari ancora prima di recarmi a vedere lo spettacolo.
Intendiamoci, non c’è nulla di male nel puntare l’attenzione del giornalista su qualcosa di preciso della produzione del teatro per cui lavori, né nel desiderare che la critica sia il più favorevole possibile (c’è da portare la gente a teatro come si può!), ma a tutto c’è un limite, non credete? Tanto per citare a esempio l’ultima situazione di questo tipo, all’inizio del mese mi è stato gentilmente chiesto di non inserire, nella mia recensione, alcuna rivelazione sul finale (leggasi anche spoiler) di due spettacoli che sarei andata a vedere di lì a giorni. Due spettacoli, dicevo. Una commedia di Shakespeare e un frammento dell’Odissea.

jqzreafyhueth99gonsv

 

Ora, io non vorrei sembrare insensibile, ma mi pare che le opere del Bardo e di Omero siano ormai da considerarsi senza veli da qualche tempo. Voi che ne dite? ^^’

Annunci

2018. L’anno di letture comincia benino

Tag

,

azure_e0e9c0299810e6f301854c3baca8b38b

Aggiungendo qualcosa alla dichiarazione dell’immagine qui sopra, io direi che credo anche nell’avere tempo per un altro capitolo. A gennaio, come vi ho già anticipato, il tempo da dedicare alla lettura è stato poco, ma sono almeno contenta di averlo investito in libri che mi sono piaciuti.

Il primo è Il Segno della Croce, di Glenn Cooper, pubblicato in Italia a fine 2016 da Editrice Nord. La storia è quella del professore americano Cal Donovan, insegnante di Storia delle Religioni, che viene contattato dal Vaticano per indagare su un nuovo caso di stigmate, apparse a un giovane prete in un piccolo paesino dell’Abruzzo. In men che non si dica lo studioso verrà coinvolto in un pericoloso gioco di potere che va avanti da decenni e finirà nel mirino di un’elitaria associazione segreta di stampo nazista, che disgraziatamente è proprio sulle tracce degli oggetti che hanno provocato queste nuove stigmate, le vere reliquie di Cristo, che, una volta riunite, sono in grado di sprigionare un potere tremendo. Il mix tra mitologia, storia e giallo mi è piaciuto molto e la scrittura di Cooper è veramente molto fluida, quasi filmica. I personaggi sono un po’ stereotipati, proprio come una qualsiasi pellicola d’azione americana, ma questo non è necessariamente un male: la trama ha un ritmo decisamente godibile e probabilmente una maggiore introspezione l’avrebbe guastato.

Lasciati gli intrighi di Cooper, mi sono data ai classici della letteratura con Uomo e Donna di Wilkie Collins. Fazi Editore sta ripubblicando i libri di questo autore, che ricordiamo essere stato amico e collaboratore del più noto (e non a tutta ragione) Charles Dickens, e mi ha gentilmente fornito una copia del volume che ho appena citato. Come nella migliore delle tradizioni di Collins, la trama è complicata e ricchissima di colpi di scena. Anne Silvester, una giovane e raffinata istitutrice, si fa sedurre da Geoffrey Delamyn, figlio cadetto di una famiglia ricca, bello e atletico, ma egoista e poco avvezzo a utilizzare il cervello, che cerca in tutti i modi di lasciarla in disgrazia. Non vi riesce anche grazie all’intervento dell’allieva e amica fraterna di Anne, Blanche Lundie, e del suo promesso sposo Arnold. Costretto a sposare Anne, però, Geoffrey la segrega in casa nell’attesa di trovare un modo per ucciderla ed essere finalmente libero di sposare una ricca ereditiera per ristabilire il suo nome… Ci riuscirà? Non vi svelo il finale e mi limito a cantare le lodi dei personaggi femminili di Wilkie Collins, che sono sempre fuori dall’ordinario, atipici e nient’affatto piatti. Sia Blanche che Anne sono figure forti, anche nelle loro debolezze, ben caratterizzate e inconfondibili, così come la serie di personaggi che ruota loro attorno, a cominciare da Arnold e Geoffrey, ma anche dall’ironicissimo Sir Patrick o dall’inquietante Hester Dethridge. Da leggere assolutamente!

Young Goodman Brown, di Nathaniel Hawthorne, è stata la mia ultima lettura di gennaio. Si tratta di un racconto breve pubblicato nel 1835 dallo scrittore americano che forse ricorderete come l’autore di La Lettera Scarlatta. Il racconto è ambientato in Massachussetts, più precisamente nel villaggio di Salem, nel 1600 (sì, proprio durante la caccia alla streghe: sapevate che uno degli antenati di Hawthorne era un giudice di quei processi? Più precisamente, l’unico che non si sia mai pentito delle sue sentenze) e ha come protagonista un giovane pastore di nome Brown. Questi lascia la sua casa e la sua amata sposa novella, Faith, per una non meglio specificata commissione che lo porterà ad attraversare la foresta. Anzi, è proprio nella foresta che il pastore ha appuntamento con una strana figura, che il lettore non stenta a riconoscere come malvagia, che dovrebbe appunto fargli da guida verso il luogo di una qualche cerimonia. Lungo il cammino il pastore tentenna, ma incontra personaggi della comunità – personaggi che lui credeva liberi da ogni macchia – che si affrettano a raggiungere il luogo della cerimonia, che in realtà non è altro che un Sabbath. Il giovane prova orrore alla vista di tutto ciò, ma, quando sente le urla della moglie, accorre egli stesso alla cerimonia, dove scopre che in tutto il villaggio lui e Faith sono i soli a non essere stati iniziati al culto del demonio. Anche in questo caso non vi svelo il finale, non tanto perché si tratta di una nuova pubblicazione, quanto perché non è una storia enormemente conosciuta e rischierei comunque di rovinarvi una lettura che secondo me vale la pena di intraprendere. Arrivare alla fine della vicenda del giovane pastore Brown non vi porterà via più di mezz’ora e chissà mai che non vi lasci qualche spunto di riflessione attaccato alle dita. 😉

Come vi anticipavo, questo è tutto per le letture di gennaio! Voi avete letto qualcuno di questi libri? Che cosa ne pensate?
Vi ricordo che per ogni volume ho inserito il link diretto ad Amazon, dove è possibile acquistarlo tramite il mio codice di affiliazione. Il prezzo del libro non vi viene maggiorato nemmeno di un centesimo, ma i gentili signori del portale di e-commerce in questione mi devolvono una piccolissima percentuale su ogni acquisto eseguito con il mio codice… La Strega deve pur comprare gli ingredienti per le sue pozioni, no? 😉

Anche Figaro s’ammala, alla fine

Tag

Ciao a tutti e ben trovati!
Come avrete inteso dai miei post più recenti, gennaio non è stato un mese facilissimo. O meglio, non è che sia stato un brutto mese, semplicemente gli impegni si sono affastellati gli uni sugli altri, impedendomi di trovare il tempo necessario per mettermi a scrivere sul mio amato blog senza rinunciare al mio sonno di bellezza… al quale ho comunque dovuto dire arrivederci un paio di volte, pur di terminare il lavoro in sospeso. Dei, perché avete fatto le giornate di sole ventiquattro ore pur non dotandomi del dono dell’ubiquità?

Tra una lite con un fornitore e l’altro, articoli da redigere, problemi con i clienti da sistemare, sorpresone dal settore amministrativo e gli immancabili scambi di germi tra Rambo e la Genitrice, alla fine mi sono ammalata anche io, inevitabilmente, direi. Al momento sto affrontando il mio secondo giorno di reclusione e, tanto per cambiare, svolgo una parte di quel “lavoro da scrivania” che può gioiosamente essere espletato ovunque e, anzi, con maggior profitto lontano dai clienti, soprattutto se piccoli e vestiti con un kimono più o meno pulito.

Va da sé che in questi giorni ho letto poco e guardato ancora meno, quindi, ma farò del mio meglio per raccontarvi cosa è successo nel pazzo mese di gennaio 2018, sempre che febbraio decida di darsi una calmata. Torno prestissimo con nuovi post, insomma, non disperate. 😉

Discriminazioni a’ la Schwarzie

Tag

Di turno all’attività rambica, seguo una nuova iscritta, una gentile signorina sui venticinque anni che fa palestra per la primissima volta e che si guarda attorno con aria affascinata, come se non avesse mai visto una cyclette prima d’ora (scoprirò poi che non era la cyclette a catturare il suo interesse, ma il prestante giovine che vi stava pedalando sopra, ma questa è un’altra storia).

Come da copione, prima di impostare un allenamento procedo con una breve anamnesi da cui risulta che la sciuretta (termine milanese che sta a indicare la signorina a modino) sta benone, praticamente è sana come un pesce. Domando quindi se vuole ottenere qualcosa in particolare dal suo allenamento in palestra, che so, rimettersi in forma, dimagrire, aumentare la forza fisica. 
Non lo so di preciso, solo non voglio diventare troppo grossa, ecco.

Capisco (ahimè, capisco) che la ragazza intende dire che non vuole sviluppare i muscolacci di un body builder veterano e cerco di rassicurarla dicendole che non credo sia possibile ottenere quei risultati, soprattutto non facendo palestra due ore a settimana e utilizzando pesetti da un chilo.

Eh, speriamo! Il fatto è che non voglio diventare come quel tipo… Quello biondo tutto muscoli. Dai, hai capito.

Ovviamente non ho capito. Mi si chiede di selezionare il corretto tipo tutto muscoli provvisto di una capigliatura bionda nell’universo mondo, anche una Strega può avere delle difficoltà in merito.

Ma dai, quello che fa così, come si chiama… Killerator.

Terminator, presumibilmente. Ha paura di diventare Schwarzenegger andando in palestra.

Per com’è strutturato il corpo femminile non è possibile mettere su tutta quella massa muscolare, soprattutto considerato che non prendi integr-

Come, scusa? Mi stai dicendo che non posso mettere su muscoli come un uomo?

Ehm… Non nella stessa misura.

Ma questa è una discriminazione bella e buona! Da te non me l’aspettavo.
Schwarzie, aiutami tu.

Figaro, Figaro, Figaroooo!

Tag

le-nozze-di-figaro-1

Nei primi giorni del 2018 avevo quasi considerato l’idea di lamentarmi per la scarsità di cose da fare, ma gli Dei – bontà loro – hanno prontamente ovviato al problema, ancora prima che effettivamente si presentasse, donandomi una serie pressoché infinita di problemini e problemucci da risolvere in fretta e possibilmente bene.

Tanto per cominciare, il computer dell’attività rambica.
L’apparecchio, comprato a settembre, ci da problemi dalla metà di novembre, motivo per il quale abbiamo chiamato un tecnico innumerevoli volte. A fine dicembre si era giunti alla trista situazione per cui le intere sorti dell’attività rambica (ovvero, il software che gestisce i clienti e i loro abbonamenti) abitava in un “muletto” che non andava assolutamente spento, perché altrimenti non si sarebbe riavviato. Nei primi giorni di gennaio è arrivato il nuovo computer, già configurato e in attesa – a sentire il tecnico – del solo intervento della ditta produttrice del software di cui sopra, quindi venerdì scorso mi sono recata in palestra per attaccare tutti i cavi, e…

E ovviamente il computer NUOVO non riconosceva la tastiera.

Il weekend è dunque trascorso all’attività rambica (chiusa) nel tentativo di munirsi di altre tastiere con cui fare prove di esito ovviamente negativo e in numerose telefonate con il tecnico, che asseriva che il problema fosse, appunto, di detta periferica e non del computer. Nel mentre che avevo già cominciato a tirare giù tutti i santi dell’ipotetico Paradiso dai loro scranni vuoi non completare l’opera e riporre tutti gli addobbi natalizi? Ma certo! Qualche glitter rosso e oro sulla polvere è sempre stato divinamente.

Lunedì mattina trovo finalmente una tastiera con attacco usb, abilitando gioiosamente il computer per l’intervento della teleassistenza, dopodiché schizzo a casa, faccio una pausa pranzo di circa venticinque minuti e mi collego al portale del CONI per risolvere il secondo problema dell’anno nuovo.

A fine 2017 ci era arrivato l’avviso della necessaria registrazione al nuovo portale del CONI, da fare a partire dall’1 gennaio 2018. Indovinate chi, o lettori, si era collegata al suddetto portale la mattina di Capodanno, con tutti i documenti pronti e in ordine?Sull’unica pagina disponibile campeggiava un messaggio che in sostanza diceva che il portale era attivo dall’1 gennaio come preventivato, ma che la trasmigrazione dei dati non aveva ancora avuto luogo, quindi non si sarebbe potuto fare nulla fino all’8 gennaio. Alzi la mano chi non l’aveva previsto.

Rieccoci dunque al lunedì nel primo pomeriggio, quando completo la registrazione in pochi semplici mosse (doveva venirmi il sospetto che qualcosa stesse bollendo in pentola!) e clicco sul tasto di conferma per far apparire un avviso secondo il quale mancavano dei documenti che avrebbe dovuto presentare l’organo sportivo di riferimento.

Piombo nel panico più totale e mi attacco al telefono, chiedendo alla segretaria di tale ente sportivo che diamine fosse successo. La gentile signorina casca dal pero e mi dice che evidentemente non abbiamo presentato alcuni documenti, il che è naturalmente improbabile, dato che essi si trovano in giacenza presso di loro dal lontano 2007. Finita l’irritante conversazione con la segretaria, da cui dirimo meramente che mi tocca risolvere la situazione da me, vengo a conoscenza che: a) l’istruttrice del corso delle 18 non potrà fare lezione (e, dato che il software gestionale ancora non funziona, non posso nemmeno avvisare i clienti); b) l’istruttrice che insegna pilates il martedì mattina e sera ha l’influenza. Cerco possibili sostituzioni per le due, ma ovviamente non le trovo.

Mi fiondo nuovamente all’attività rambica, dove devo chiamare la ditta per avviare la teleassistenza, ma ci arrivo in ritardo, perché la storia del portale CONI si è prolungata ben oltre il tempo che dovevo dedicarle. Il programmatore non è quindi disponibile fino alle 15:20, quando comincia a lavorare sul computer, mi conferma nuovamente (negli ultimi mesi l’avrà fatto almeno sette volte, tutte pagate) la licenza del software di gestione clienti, ma non riesce ad abilitarmi il tornello.

Per intenderci, quando un cliente passa la sua tessera sul tornello attivo, la reception si rende conto se il suo abbonamento è valido, se è in scadenza o se è addirittura scaduto, il che rende il recupero crediti infinitamente più facile e redditizio e permetta all’attività rambica di incassare qualcosa.

Ora, il tornello non funziona e cominciano ad arrivare TUTTI i bambini che faranno lezione di karate, unitamente ai clienti del tardo pomeriggio. La qui presente Strega schizza dunque tra la reception, dove il programmatore è collegato tramite telefono, la sala (perché l’istruttore è in sacrosanta e meritata pausa) e la zona relax, dove sono spiaggiate le mamme dei bambini. Tutti la vogliono, tutti la cercano.

Il cliente trentacinquenne racconta delle sue avventure col cellulare e necessita comprensione e ammirazione per il nuovo dispositivo, la mamma di un pargolo deve essere ascoltata mentre si dilunga nei dettagli dell’influenza del figlio, colpo di tosse grassa per colpo di tosse grassa. La cliente quarantenne ha avuto la sfortuna di incontrare un uomo veramente di sterco e va aiutata per quanto possibile, la graziosa adolescente si è dimenticata l’asciugamano, posso prestargliene uno io? Lo riporta domani, lavato! Un nuovo cliente deve essere presentato all’istruttore e un ragazzo si presenta per le concordate ore di formazione… Uno alla volta! Uno alla volta! Uno alla volta, per caritàààà!

Arrivata a casa – ovviamente più tardi di quanto preventivato, anche perché Rambo era dal dentista e indovinate quando una cosina da dieci minuti è diventata un lavoro di un’ora? Ecco -, mi mancano i compiti dei miei alunni da correggere e le note da inviare per e-mail.

Insomma, gli ultimi giorni mi sono sembrati eccessivamente simile a questa scena qui:

Però non si può dire che mi sia annoiata. 😀

Where it’s covered in all the colored lights – The Greatest Showman

greatestshowman-headerdesktop-front-main-stage-1

É tradizione del Covo di andare al cinema alla vigilia di Capodanno, e quest’anno come si poteva non scegliere l’ultimo film musicale uscita giusto a Natale?

The Greatest Showman, diretto da Micheal Gracey, è una pellicola che racconta la vita di P.T. Barnum, l’ideatore del celebre circo americano (The Greatest Show on Earth, 1842) e di fatto l’inventore dello show business, in modo molto romanzato. Il film, che vanta gli stessi produttori di La La Land, è candidato ai Golden Globes 2018 per il miglior film/commedia musicale (Hugh Jackman), il migliore attore in un film/commedia musicale e la migliore canzone.

1510600967_733_the-greatest-showman-brings-together-hugh-jackman-and-zac-efron-in-whats-sure-to-be-a-spectacle-of-hunkiness

La prima scena del film, di grande effetto.

Io sono un’amante dei film musicali, perché conservano ancora quella lieve innocenza poetica che oramai gli altri film hanno perso. Mi piacciono le canzoni, mi piacciono le coreografie, l’improbabilità delle situazioni in cui i personaggi si alzano dalla sedia e si mettono, che so, a ballare sul bancone di un bar. Ecco perché sono rimasta piacevolmente soddisfatta da The Greatest Showman, che tra l’altro presenta un impianto narrativo originale e vivace, al contrario della malinconia piena di rimandi passati di La La Land.

Ho apprezzato moltissimo la colonna sonora soprattutto nei numeri corali, in cui tutta l’opulenza e l’esotismo del circo colpiscono lo spettatore come un pugno in un occhio. In generale, The Greatest Showman piace perché coinvolge il pubblico e perché il carisma dell’attore protagonista catalizza l’attenzione di tutti.
Non finirò infatti mai di stupirmi della bravura di Hugh Jackman – che non ha mai fatto troppo presto a smettere i panni di Wolverine! -, anche se lo apprezzo dai tempi non sospetti di Kate e Leopold (vogliamo poi parlare di Les Miserables?). Il suo PT Barnum è un perfetto incantatore, uno showman nato, un prestigiatore che senza nessuna fatica fa diventare invisibili quasi tutti i suoi comprimari, tanto che il passaggio di consegna con Zac Efron (che pure è bravissimo nei panni di Philip Carlyle) risulta quasi sgradito. Jackman da anche prova di una notevole eleganza nel muoversi (l’avevamo già visto alla cerimonia degli Oscar di qualche anno fa), soprattutto considerando che la sua fisicità è piuttosto importante. Degni di una citazione sono anche Zendaya (oh, la ragazzina sa recitare!) e Keala Settle (che voce!), mentre Michelle Williams, che interpreta la moglie di Barnum, non mi ha particolarmente convinta e infatti le scene di vita privata dell’imprenditore risultano un pochino sottotono rispetto al resto.

Il fascino della storia (confesso che una lacrimuccia l’ho versata, su un paio di canzoni) si riduce di un poco se si fa qualche indagine sulla reale avventura di PT Barnum – motivo per il quale definire il film una biografia non mi sembra particolarmente opportuno -, che è indubbiamente emozionante, ma molto meno piena della magia poetica che permea l’ora e quarantacinque minuti di The Greatest Showman, in cui agli spettacoli circensi si alternano i sogni, l’amore, la fiducia delusa e quel pizzico di idealistica integrazione che agli americani piace tanto. Immagino sia lo stesso effetto che si otterrebbe visitando il dietro le quinte di un circo, no? La polvere di fata non fa effetto se scopriamo come viene prodotta… quindi è meglio non saperlo e godersi l’avventura. 😉

tumblr_os9fxwinjy1qd4rf5o2_500

I, Tonya

Tag

, , ,

i_tonya

Seguo il pattinaggio artistico su ghiaccio da prima delle Olimpiadi di Torino 2006 (con estrema difficoltà, considerando la copertura che la tv italiana dava a questo sport) e avevo inserito I, Tonya nella mia coda di visione da qualche tempo, ancora prima delle sue candidature ai Golden Globes 2018, perché la vicenda raccontata è degno materiale per film e storie di tutti i generi.

La pattinatrice americana Tonya Harding è stata la seconda donna al mondo a eseguire un triplo axel in una competizione nel 1991. Era un’atleta potente e decisamente diversa dalle sue delicate e aggraziate colleghe, senza contare che aveva una situazione familiare difficile, cui compensava con un carattere prepotente, violento e molto, molto competitivo. Fu travolta da uno scandalo nel 1994, quando partecipò al progetto dell’aggressione di Nancy Kerrigan, pattinatrice USA, che venne colpita al ginocchio destro e fu dunque costretta ad abbandonare i Nazionali. L’oro andò alla Harding, che era già sospettata dell’aggressione anche prima che si scoprisse l’interessamento del suo ex marito, e che riuscì a partecipare alle Olimpiadi dello stesso anno, finendo però ottava. Successivamente fu squalificata dalla federazione americana di pattinaggio e dall’organismo internazionale (l’ISU), che la dichiarò persona non gradita. Lo scandalo sportivo in cui questa pattinatrice fu coinvolta è uno dei più famosi di sempre e viene citato ancora oggi.

I, Tonya, film del 2017 diretto da Craig Gillespie su sceneggiatura di Steven Rogers racconta la parabola discendente della Harding, dalla sua primissima infanzia agli anni successivi alla sua squalifica. La scelta del tono narrativo è ricaduta su uno stile quasi documentaristico, in cui le vicende di “filmato” si alternano a spezzoni di finte interviste dove i protagonisti della storia, invecchiati, raccontano idealmente a loro versione dei fatti, supportata da una colonna sonora piacevolissima e divertente.
Ho particolarmente apprezzato che la resa dei fatti fosse il più oggettiva possibile (cosa complicata, data la risonanza dello scandalo e la particolare attitudine degli statunitensi a fare sempre un gran casino), lasciando al pubblico di emettere o meno dei giudizi sui protagonisti, e che la regia si sia concentrata sulla rappresentazione delle scene e dei contesti in modo che fossero il più veritieri possibili. Su questo fronte il reparto trucco e quello costumi hanno fatto un lavoro veramente straordinario, per i primi minuti del film sono stata convinta che le interviste avessero coinvolto le persone realmente coinvolte e non gli attori.

6015ef4eb2a0ec2d4a832c477cadac8e

A proposito, nel caso vi domandaste in cosa consista un triplo axel, è questa cosina qui: tre giri e mezzo in aria, un salto alla cieca difficilissimo, qui eseguito dalla giapponese Mao Asada nelle Olimpiadi di Vancouver 2010. Le competitrici in grado di portare a termine questo salto sono tutt’ora pochissime e difficilmente lo rischiano in gara, dove devono comunque atterrare altri salti ed eseguire altre figure per vincere.

Il cast mi è piaciuto tantissimo, a cominciare da Margot Robbie, che interpreta Tonya in modo davvero mirabile. Non deve essere stato facile calarsi in un personaggi così tanto controverso e al contempo imparare quantomeno a muoversi sul ghiaccio. La Robbie ha replicato anche l’atteggiamento e le movenze della pattinatrice (sono andata anche a cercare materiale video su Internet dopo aver visto il film e ho apprezzato la performance dell’attrice ancora di più) e mi è parsa assolutamente perfetta.

i-tonya-margot-robbie-tonya-harding-header-split

A sinistra Margot Robbie, a destra c’è la vera Tonya Harding. Ditemi se quanto dicevo del trucco e dei costumi non è vero.

Ho fatto fatica a riconoscere il soldato d’inverno Sebastian Stan nei panni di Jeff Gilooly (l’ex marito): nei film Marvel non l’ho mai apprezzato in modo particolare, ma qui devo rimangiarmi tutto e affermare che, quando gliene danno la possibilità, è anche capace di recitare. Mi sono piaciute moltissimo anche Julianne Nicholson (l’allenatrice) e Allison Janney, che da vita a una madre della Harding piacevolmente mostruosa e inquietante. Una scena nella seconda metà del film, dove madre e figlia sono sedute al tavolo della caffetteria dove lavora la prima, mi ha colpito in modo particolare, perché mette in luce il rapporto oppressivo tra queste due donne in modo più immediato rispetto alle scene precedenti, che pure non sono all’acqua di rose.

Insomma, I, Tonya, che poteva ben essere l’ennesimo polpettone che entra tra le candidature di premi importanti per motivi non facilmente identificabili, è un film che non solo vale la pena di essere visto, ma che nemmeno annoia. Penso, anzi, che possa essere goduto appieno anche da chi non segue il pattinaggio su ghiaccio, perché in effetti il lato sportivo della vicenda è un mero sfondo alla storia personale di Tonya e delle figure che la circondano. Gillespie racconta la storia di una donna prima che di un’atleta, e non è un caso che la narrazione non si interrompa con la squalifica della Harding dal pattinaggio, ma la segua anche negli anni successivi, per concludersi con un monologo molto intenso, che vi riporto tradotto da me qui sotto, in chiusura del post.

(…) ero la persona più famosa al mondo dopo Bill Clinton. Questo doveva significare qualcosa. Le persone volevano ancora vedermi, così diventai una boxeur. Insomma, perché no? Dopotutto ho sempre conosciuto la violenza. In America, sapete, vogliono qualcuno d’amare e qualcuno da odiare. E vogliono che la scelta sia facile.
Ma che cos’è facile? Chi mi odia dice sempre ‘Tonya, racconta semplicemente la verità’, ma la verità non esiste. É una stronzata. Ognuno ha la sua verità e la vita fa solo quel cazzo che le pare. Questa è la storia della mia vita ed è la fottuta verità! 

 

Buoni Propositi

Tag

,

background

Sembrava che non sarebbe arrivato più, e invece eccoci nel 2018: auguri a tutti!

Spero che ormai vi siate ripresi dagli eventuali bagordi della notte del 31 dicembre e che siate pronti ad affrontare il nuovo anno con energia. Di mio io ho coccolato dei nuovi progetti, alcuni dei quali sono correlati a questo blog e quindi spero di potervene parlare al più presto.

Intanto le consuete rubriche sul blog continuano, eh!
Ci saranno libri da leggere, film da recensire (tanti, tanti spero!), spettacoli teatrali a cui andare e gli immancabili clienti che allieteranno le mie giornate lavorative con le loro bizze. Come lasciare inascoltate le loro voci, d’altronde? Come non raccontarvi le mie tragedie semiserie in Tribunale? Appunto.

Ora, però, ditemi: quali sono i vostri programmi per il nuovo anno? Avete qualcosa di speciale in mente?

Gli ultimi libri del 2017

Tag

, ,

Ci credete che dicembre – l’ultimo mese di questo pazzo e difficile 2017! – finirà tra meno di quarantotto ore? Io faccio un po’ fatica a pensarci, lo confesso, se non altro perché il tempo mi sembra volare invece che scorrere alla sua normale velocità.

Di questo dicembre ho poche cose da salvare, ma una di queste è sicuramente la ripresa delle letture a ritmo più o meno umano: è vero che, quando le cose non vanno come vorremmo – via, siamo sinceri: quando le cose proprio non vanno! -, sprofondare in altri mondi è una grande consolazione. Poche volte sono stata tanto fortunata da trovare persone in carne e ossa che sapessero tirarmi su il morale come quelle che incontro nei loro mondi di carta. Ma non sprofondiamo nella malinconia e diamo subito un’occhiata ai libri letti in questo dicembre 2017, che non terminerà mai troppo presto!

The Dressmaker, R. Ham. Vi ricorderete che avevo scritto un post sul film omonimo, uscito nel 2016, che mi aveva divertito moltissimo e aveva inserito automaticamente il libro di Rosalie Ham nella mia coda di lettura. A fine novembre, approfittando di un’interessante scontistica su quella risorsa di libri che è Bookdepository, l’ho acquistato e mi sono messa quasi subito a leggerlo… trovandolo un po’ deludente, lo ammetto. Forse è perché avevo già visto il film, che presentava delle scene molto vivide, ma la narrazione non mi ha catturata quanto mi aspettavo. Peccato.

Assassinio sull’Orient Express, A. Christie. Avevo letto il celebre giallo di Agatha Christie una decina di anni fa, ma ho voluto riprenderlo prima di vedere il film omonimo di Kenneth Branagh, che è uscito a fine novembre. Il libro mi è piaciuto come sempre, la fluidità della Christie è straordinaria, il film mi ha lasciata con un amaro in bocca che non vorrei associare alle uscite cinematografiche di Kenneth (anche perché lui è un attore stupendo e un gran regista: perché ogni tanto mi esce con film così?).

tumblr_m1iydupzgo1qhwgauo2_250Via col Vento, M. Mitchell. Un’altra rilettura, è vero, ma come si fa a non farsi venire voglia di riprendere Via col vento? Non è solo la storia infinita, non sono solo i personaggi talmente vividi che rimangono nella memoria del lettore. É l’America Sudista, con le sue cittadine in pieno sviluppo, i suoi prati sterminati, i suoi contrasti. É, anche, il dettagliatissimo quadro storico dipinto dalla Mitchell, che nella sua narrazione inserisce numerose informazioni sulla situazione politica americana e sui reali motivi della guerra di secessione, informazioni che difficilmente si trovano nei testi scolastici (che tra l’altro sono anche infinitamente più noiosi!). So che il glorioso film del ’39 vi sembra già infinitamente lungo e che il romanzo è ancora più lungo, ma io vi suggerisco di dare una possibilità alle pagine di Via col Vento. Vedrete che ve le berrete in un secondo.

Waterloo, B. Cornwell. Questa è un’opera di non narrativa di uno – oramai lo sapete – dei miei scrittori preferiti. Bernard Cornwell mette insieme una cronaca di una delle battaglia più famose della storia: Waterloo, ovvero la definitiva sconfitta di Napoleone Bonaparte a opera delle truppe prussiane e soprattutto britanniche, guidate dal duca di Wellington (giugno 1815). Cornwell è particolarmente dotato nel narrare le scene d’azione e di battaglia e dunque non stupisce che questo libro sia molto emozionante e non risenta per nulla della mancanza di parti romanzate. Ho apprezzato molto che l’autore si sia soffermato sui contesti della guerra, che abbia descritto la battaglia partendo dalle condizioni stesse di chi l’ha combattuta.

 

Per questo mese è tutto: che dite, sono stata brava?
A giudicare dalla mia coda di lettura non mi sembra, ma forse è solo un’impressione. 😉 Da buona Strega organizzata e puntigliosa, ho già messo giù un programma di lettura per l’anno che verrà, ma non penso di aderire alla Goodreads Reading Challenge; mi rendo conto che stare dietro anche a una vera e propria sfida di lettura potrebbe risultare più pesante che utile in un anno in cui metterò tanta carne al fuoco, forse più di quella degli ultimi anni.

E voi che cosa avete letto questo mese? Avete in mente di iscrivervi a una sfida di lettura? Fatemelo sapere nei commenti, mi raccomando!
Nel frattempo vi auguro un felice, felicissimo anno nuovo: che sia pieno di nuove opportunità e sorprese. 😉

P.S. Volete un riassuntino delle mie letture del 2017? Cliccate qui!

 

Risposte Inaspettate

Tag

,

Babbo Natale & S.
Distretto A∞
Mar Baltico

Gent.ma La Strega
Il Covo
Milan

21 dicembre, 2017

Gentile cliente,

Mi trovo a scriverLe su istruzione del signor Odin Borrson, mio superiore, e direttore di questo distaccamento della Babbo Natale & S.

Il signor Borrson attendeva con una certa impazienza il messaggio anonimo da recapitare ai Suoi parenti, dato che quello dell’anno scorso gli era tanto piaciuto, ma ora è preoccupato per la Sua persona, avendo egli notato una diminuzione di quel virulento sentimento vendicativo che tanto apprezza nel genere umano. Egli desidera quindi che io La avverta che sperare e/o credere che una situazione come quella in cui Lei versa migliori è comportamento che difficilmente si può definire ragionevole, opinione con la quale non posso che trovarmi d’accordo, come Lei capirebbe bene se mi conoscesse un poco. La principale fonte dei miei mali, il mio diretto superiore Si permette di suggerirLe di cambiare il testo del messaggio (non quello con le aggiunte da inviare al commercialista, che è stato molto apprezzato), azione per la quale Lei è ancora in tempo. Nell’eventualità – per me quasi certa – che Lei non desideri ravvederSi, egli nella sua infinita e monocola saggezza mi ha incaricato di provvedere affinché vendetta, per così dire, sia fatta.

Nella stragrande probabilità che i Suoi parenti non migliorino, che non La accettino come membro effettivo della famiglia, che continuino a ricordarsi di Lei solo in casi di estrema necessità; nella probabile eventualità, dicevo, che essi La scherniscano, La puniscano, Le cuciano la bocca con un ago smussato e filo grosso… Sto divagando: qui parliamo di Lei. Insomma, cosa desidera che io faccia?
Posso suggerirLe alcuni trucchetti del mio catalogo, come l’invasione di serpi nella camera da letto, o le illusioni che conducono a uno stato simile alla pazzia? Tra i miei talenti c’è il gioco delle parti: potrei fingermi un umano e insinuarmi nella loro cerchia di amici, scoprendo quali sono i loro punti deboli o a cosa essi tengano di più… È solo un suggerimento, naturalmente, ma mi permetto di assicurarLe che questo tipo di strategia si è rivelato particolarmente vincente – e, non lo nego, anche piacevole da adottare – l’ultima volta che ho risolto dei miei conti in sospeso. Ho tra l’altro dei contatti esterni all’azienda, individui discutibili che però mi sono vicini come dei figli, che potrebbero fare al caso Suo.

Rimanendo in attesa di Sue istruzioni, Le porgo cordiali saluti e gli omaggi del signor Borrson.

Ho… Mi rifiuto di usare uno slogan così banale.
In fede (si fa per dire),
L. Laufeyson