Tag

, ,

reading_challenge_banner-a0ce4577a8ece15e3dc5d17084080244

Sono qualche giorno in anticipo sulla chiusura della Sfida di Lettura di Goodreads per il 2016, ma, avendola io già completata ed essendo affetta da un raffreddore che mi rende piuttosto difficile il dedicarmi alla lettura, non aveva senso aspettare, no?

É stato un anno di libri completati in minor numero del solito, ma che hanno lasciato il segno, un anno di rivisitazioni di classici, come avevo preventivato, ma anche di scoperta di nuovi genere e nuovi autori, che probabilmente non abbandonerò molto presto.

Se dovessi scegliere di citare alcuni dei volumi che ho letto in questo 2016, non nominerei quello terminato prima di Natale (Gli occhi di Borges, di G. Ricciardi: un punto di domanda di notevoli dimensioni), che pure andrebbe annoverato nella lista di libri gialli letti quest’anno. Questa categoria è però dominata da Cormoran Strike e da quel volpone di Robert Galbraith, che mi hanno catturata nelle loro indagini e trame e mi hanno legata irrimediabilmente a questa serie. Come non citare, poi, la letteratura russa? Ho iniziato l’anno con la lettura di Guerra e Pace di Lev Tolstoj e l’ho continuato con un pizzico di Dostoevskij e una puntina di Puskin, tanto per gradire. Pensate che siano state letture deprimenti? Beh, ricordatevi che ho dato una scorsa a Maupassant. 😉 Sempre rimanendo sul tema narrativo, ho scoperto i libri di Wilkie Collins, che adesso non potrà mai più mancare nella mia coda di lettura, o almeno così sarà finché non avrò finito di leggere tutti i suoi libri, ma mi assicurerò di razionarli!
Passando alla saggistica, non posso non citare ancora Sette Brevi Lezioni di Fisica di Carlo Rovelli, un libro di una semplicità assoluta per veicolare concetti enormemente complessi: leggetelo!!

E per l’anno prossimo?
Non ho ancora deciso se aderire al nuovo Reading Challenge o meno. Sicuramente, a prescindere a questo, continuerò a pubblicare i post degli aggiornamenti mensili delle mie letture, ma non vorrei che la sfida si tramutasse in monotonia, mi capite?
Quindi, forse il 2017 sarà un anno di letture libere, in modo da tornare in forma e agonisticamente cattiva per il 2018.

Voi cosa mi dite? Siete soddisfatti delle vostre letture? Avete già fatto i propositi per il nuovo anno? Fatemi sapere!!

 

 

Ah, dimenticavo!
Se vi va di esaminare più da vicino la mia lista di libri letti per il Goodreads Reading Challenge, cliccate qui. 😉