Tag

,

Ci sono momenti in cui la tua quotidianità cambia all’improvviso, in cui anche le cose che prima ti sembravano uno scherzo diventano difficili. Allora devi rivedere te stesso, le tue priorità. Tirare fuori tutto, ma proprio tutto quello che hai dentro. É qui che rivaluti l’importanza di una bacinella sufficientemente capiente e di una buona dose di donperidone, entrambi strumenti essenziali nel tuo viaggio attraverso la prima forma parainfluenzale della stagione, che ti ha colpita allo stomaco.

Sono momenti difficili.

Ad ogni modo, in questi giorni di profondo disagio esistenziale, possono capitare alcune cose. Se siete come la Strega, potreste aver progettato di scrivere il consueto post sulla Goodreads Reading Challenge. Potreste aver pianificato di scrivere altri due articoli, al seguito di due gite cinematografiche sul viale dei ricordi. Potreste, poi, aver dato la vostra parola di recensire un nuovo libro entro un termine stabilito e molto vicino, esservi lamentati dell’assenza di clienti per le traduzioni e aver preso l’impegno di un turno di apertura dell’attività rambica.

Tutto ciò affinché, nell’ordine, voi rimaneste indietro di non uno, ma ben tre post sul blog – avendo visto anche un film in meno -, ritrovandovi con un numero indefinito di pagine da leggere con una certa attenzione e un mal di testa lancinante, un cliente che chiede una traduzione da giurare in Tribunale con urgenza e un’apertura dell’attività rambica da affrontare seguendo una dieta di riso in bianco, acqua e patate lesse.

 

Questo post scritto a quattro mani (mie e della bacinella) è per dirvi che non sono sparita di nuovo e che torno quanto prima, possibilmente in salute e in solitaria. 🙂
Copritevi e state sani nel frattempo, eh!