Tag

, ,

captain-america-civil-war-will-change-the-mcu-even-more-than-the-winter-soldier-say-866418

Titolo lungo, lo so. Sono rimasta a pensare a qualcosa di più corto per un bel po’, ma non mi è venuto in mente nulla di più pregnante di quello che leggete sopra le mie parole.
Perdonatemi, almeno tutto quello che segue è spoiler free.

 

Captain America: Civil War , uscito ieri, è un bellissimo film Marvel, con tutto quello che abbiamo imparato ad apprezzare dei film del genere.
C’è una story line che fila, ci sono battute di copione stringenti, c’è l’umorismo da americanata d’azione, che fa sorridere anche se è strariciclato, c’è l’ironia dei personaggi, ci sono gli effetti speciali, ci sono i costumi. Ci sono scene di azione e combattimento spettacolari e perfette, curate al massimo dettaglio.

Ma.
Ma che c’è di nuovo?
Non fraintendetemi, andare a vedere l’ultima (per ora) fatica del Capitano Rogers è sicuramente un modo perfetto per passare due ore e venti minuti di divertimento e relax, però, tutte le belle qualità del film cominciano a essere un po’ scontate, ecco.
Lo spettatore se lo aspetta. Chi paga il biglietto per andare a vedere un film Marvel ormai si aspetta tutto quello che ho accennato nel paragrafo precedente e, di sicuro, con Captain America: Civil War non rimane deluso, ma nemmeno sorpreso.
Dopo tredici (13) pellicole della categoria negli ultimi otto anni, lo spettatore medio comincia quantomeno a pensare di annoiarsi, e purtroppo l’introduzione di nuovi (e/o più nuovi) personaggi non è sufficiente, nemmeno con la graziosissima comparsata di uno Spiderman adorabilmente giovane e chiacchierino, a fornire quell’elemento di novità che in passato mi faceva uscire dalla sala di proiezione con a luce negli occhi.

 

Colpa dei signori Marvel, che hanno alzato troppo la barra delle aspettative, non c’è dubbio. U.U