Tag

, , ,

Riprendiamo la premiata rubrica sugli strafalcioni dei pargoli in questi miei anni di ripetizione. Questa volta, ci addentriamo in quella curiosa materia che una volta si chiamava Epica e che ora i pargoli preferiscono nominare Mitologia, o, meno formalmente, Mito. Per chi ne fosse all’oscuro, si tratta di una lezione di letteratura che studia i poemi epici soprattutto della cultura greco-romana, fino all’Eneide; epica era una delle mie materie preferite (ma dai?! Ditelo, che non s’era capito!) e devo dire che è sempre una sofferenza aiutare i pargoli nel loro studio… Come vedrete a breve.

Come sempre, le immortali parole dei pargoli sono scritte in corsivo e accompagnate dai miei commenti. Divertitevi.😉

 

Il primo poema epico della storia è quello di Billbanbesh. No, Billgangesh. Non è vero, aspetta… E’ che hanno tutti dei nomi così strani!
Eh, capisco. Gilgamesh effettivamente è un nome quasi impronunciabile.
Bangladesh!
Questa è un’altra materia…
Gilgamesh e Enkidu erano grandi amici, e giocavano assieme nei giardini pensili di Babilonia.
Poi si scambiavano confidenze e si facevano le treccine.

No…vuoi dire che quello di Noè non è storia vera?
Come no! Ci hanno fatto pure un film con Russel Crowe!

<<Io la storia di Apollo l’ho capita tutta, ma quand’è che arriva il pollo?>>
<<Il pollo, pargolo?>>
<<Sì, quello che è morto quando Apelle, figlio di Apollo, ha fatto la palla di pelle di pollo…>>
Ecco. Le filastrocche sono deleterie. Pensavo di aver toccato il fondo con quella di Garibaldi, e invece…

Quindi, Apollo ha ucciso il drago. Ma non era stato San Giorgio? Ma era lo stesso drago? E perché l’hanno ucciso??
Questa era una pargola molto curiosa. Indagatrice. La stessa, che…
Ma, fammi capire: Era, che era già continuamente tradita dal marito, è anche associata ad una vacca?? Non è carino…
Una femminista in erba!

Ma Achille non è quello del plantare?
Il famoso Plantare d’Achille!
Achille vuole uccidere Ettore perché il troiano aveva ucciso il suo migliore amico, Agamennone.
Ehm… No. Non credo che quei due si potrebbero definire amici…

Nella tragedia, quando Agamennone torna a casa, la moglie gli fa un bagno.
Bene, solo che… Insomma, dove sta la tragedia?
Cassandra era odiata da tutti perché era una saputella, e le donne che fanno vedere che sanno non piacciono a nessuno.
Il futuro? Siamo in una botte di ferro, ragazzi! A che servono le quote rosa?!

Quindi, Ulisse ha conquistato Troia con una statuina?
No, era una statuona. Hanno dovuto abbattere parte delle mura per farlo passare. Chiamala almeno statuona!
…E poi Ulisse ha ucciso il figlio di Ettore. Ah, ma è per questo che Dante l’ha messo all’Inferno!
Non esattamente…
Il Cavallo di Troia era una statua che ritraeva… ritraeva…
Dai, che ce la fai! Ritraeva?
Un animale a quattro zampe, non ricordo bene…
Certo. Come il colore del cavallo bianco di Napoleone: chi se lo ricorda?

Ma quindi questa (Iside, NdB) è andata col marito morto e pure tagliato a pezzi! Ma che schifo!
Livello di comprensione dei concetti astratti del pargolo: -15
Poi c’è quello che ha la testa di canarino… Horus!
Falco… è un falco. Dei, perdonatela.

E poi c’erano tre vecchie che filavano il destino, le Norme.
No, questa è la Norma. Un’opera lirica. Caasta divaa! Riprova.
Le Cornee.
No, quelle sono quelle che mi lacrimano tutte le volte che ti faccio lezione. Di nuovo.
Le Morne, le Dorme, le Sorbe… Le Narnie!
Ecco. Il Leone, la Strega e la Capra.

E, dulcis in fundo:

Ma Mago Merlino quando arriva?
…Stavamo studiando i Nibelunghi. -.-‘