Tag

, ,

L’ultimissimo giorno di febbraio mi vede al quattordicesimo libro letto su settantadue (un buon 19%, via!) e con una coda di lettura che, al posto che rimpicciolirsi, si allunga ad ogni giorno che passa.
Veniamo ai libri letti durante questo mese.

“L’uomo leopardo”, K. Kurimoto. E’, pare, il primo capitolo di una saga letteraria molto apprezzata, ma che io francamente ho trovato piuttosto noioso e molto, molto lento.
“Milione”, M. Polo. Il buon vecchio Marco è uno dei cari amici che volevo tornare a trovare quest’anno. Il tempo è stato più che clemente con lui, eh! Non è cambiato di una virgola.😉 Di questo libro mi affascinano le descrizioni del viaggio e delle diverse città e popolazioni che Marco Polo incontra. Consiglio vivamente a tutti voi di leggere il Milione almeno una volta.
“Re senza Dio”, B. Cornwell. Il mio Bernie! Magari vi sarà sfuggito (il che sarebbe curioso, perché se linkassi tutti i post in cui ho citato uno dei miei scrittori preferiti in assoluto, riempirei almeno cinque righe), ma io adoro quest’omino britannico che si diletta a scrivere romanzi storici. Narrazione super fluida, personaggi tridimensionali e meravigliosi e dettagliatissime descrizioni di luoghi, paesaggi e culture, senza annoiare nemmeno per un secondo. Leggete un’opera di Bernie anche voi!
“The Legends of King Arthur and His Knights”, J. Knowles. Artù è un altro mio vecchio amico, uno di quelli volenterosi ma un po’ tordi, che forse non sono dei draghi a capire le persone, ma che sono proprio dei bravi ragazzi. E’ stato bello ritrovarlo.
“La principessa e la regina e altre storie di donne pericolose”, autori vari. Si tratta di un’antologia di racconti curata da G. Dozois che ha vinto il World Fantasy Award. Il tema di tutti i racconti è la figura femminile, nel modo più anticonvenzionale alla letteratura possibile. Insomma, nessuna principessa bisognosa di protezione, nessuna dolce crocerossina, niente che riguarda lo stereotipo letterario del personaggio femminile. L’idea è splendida, non sempre i personaggi che incontriamo nelle storie sono così originali come da premessa, ma è comunque un volume piacevole da leggere.

xx

E dunque, questo è quanto per il mese di febbraio. A Marzo, che vedrà l’inizio della primavera e l’avvento dei pollini, prevedo di visitare qualche altro vecchio amico (forse un bravo spadaccino, ma non anticipo di più!) e di… aggiungere qualche buon tomo alla mia coda di lettura: mica voglio davvero che si restringa.😉