Tag

, ,

Ok, ok, non insistete. Lo ammetto candidamente, i regali di cui si parla in questo post non esisterebbero senza la mia dipendenza da paciugo.
Ecco, l’ho detto.
…Però, in fondo, a sbolognarl… ehm, a farne dono ci ho pensato, no? Sono una Strega generosa, io!
Come vuole la tradizione, all’Epifania si regalano dolci graziosamente confezionati in calzette e calzine più o meno orrende. A dirla tutta, io le calzette le ho eliminate. Quelle che ho si chiamano rigorosamente Pietro (…e quindi DEVONO tornare indietro), e sono riservate alle persone veramente speciali. Però ho messo dei fiocchetti rossi qui e là.

Che cosa ho regalato, dunque?
Tanto per cominciare, ho trovato giusto prendere spunto da Lei, il Genio del Paciugo, l’unica e la sola Sweetie, e di “sfornare” i suoi adorabilissimi Cake Pops, ovviamente in versione gluten free.
Clipboard06Volete provare anche voi questi paciugosissimi dolcetti? Non vi rimane, allora, che fare un salto qui e poi…darvi da fare!! 😄

N.B. La foto qui a fianco appartiene a Sweetie, come la ricetta. Con i miei poveri mezzi non sarei mai riuscita a fare una foto così bella. E sì, sapevo anche di riuscire a recuperare una riproduzione fedelissima dei Cake Pops senza dover faticare molto. #StregaPigra

 

Per concludere in bellezza, poi, ho deciso di passare il sabato pomeriggio con le mani in paciugo e… sono venuti fuori questi.

zswrd
Come li vogliamo chiamare? I Pasticcini della Befana? Mica male, aggiudicato! ^^
In sostanza, si tratta di pirottini di cioccolato, farciti con una cremina al mascarpone e brandy e poi decorati con granelle e canditi vari. La preparazione è un tantino lunga e laboriosa, ma il risultato non è male.

Ingredienti (per 25 pirottini)
250 g cioccolato fondente;
100 g mascarpone;
200 ml panna fresca;
50 g zucchero a velo;
Brandy q.b.
Frutta secca, frutta candita, frutta fresca a piacere per le decorazioni.

Dato il periodo natalizio (ancora per poco!), potreste considerare di sostituire la vostra abituale musica da paciugo con qualche canzoncina natalizia. Eddai, che poi le Feste le rimpiangerete!
Recuperate il vostro grembiulino preferito e sciogliete il cioccolato a bagno maria. Una volta fatto, riempite dei pirottini per cioccolatini (quelli usa e getta) fino all’orlo con il cioccolato fuso, aspettate un minuto, e poi svuotateli. Fate attenzione che un po’ di cioccolato aderisca al pirottino.
Fate raffreddare il tutto. Io, per velocizzare il procedimento, ho messo i pirottini in freezer per qualche minuto.
Ripetete questo procedimento per tre volte, poi schiaffate i pirottini cioccolatosi in frigo (o nel freezer ) e dimenticateveli per almeno una mezz’ora.
Mezz’ora in cui potrete dedicarvi a ripulire la vostra cucina e le vostre pentole dalle tracce di cioccolato fuso che avrete lasciato. Perchè ne lascerete, fidatevi. Questo paciugo è, più che mai, un lavoro sporco.
Quando avrete lavato pentole e pentolini, spatole, cucchiaini, marmitte, piano da lavoro e qualsiasi altra cosa sia entrata in contatto col cioccolato, potrete pensare di preparare la crema di farcitura.

Lavorate il mascarpone con lo zucchero a velo e il brandy, finchè non otterrete una crema sofficissima e profumatissima. Il brandy può essere sostituito con qualcosa di meno forte, come un moscatino dolce. Come avrete evinto dalle mie cronache, però, il Natale è un periodo in cui nel Covo si tende ad eccedere nel consumo di alcolici.
La crema, dicevo.
A parte, montate la panna e successivamente unitela delicatamente al  mascarpone. Aiutatevi con un leccapentole o una spatola.
Se volete fare le cose per bene, mettete il morbidoso e paciugoso composto in una sacca da pasticciere con beccuccio a stella, e riempite i pirottini che avrete tirato fuori dal frigo e liberato dal loro involucro di carta. Se, invece, vi va di fare le cose alla buona, armatevi di cucchiaino e mettete la crema sulle basi di cioccolato così come vi viene.
In ultimo, decorate i pasticcini con quello che più vi piace. Potrete poi conservarli in frigo fino al momento di assaggiarli. 😉

…Insomma, oggi è l’ultimo giorno della vacanze natalizie: consolatevi con un po’ di cioccolato, che domani si torna al lavoro! 😛