Tag

, , , ,

…Ma, d’altronde, non sono mica Strega?
E allora di cosa vi lamentate, dico io. ^^

Chi, direte voi, è stato così fortunato da ispirare questo post? Il vecchio capoufficio dell’ora pensionata genitrice.
Questa simpatica donna non sembra proprio in grado di farsi gli affari propri, e non ci sarebbe davvero niente di male, se non si facesse i miei.
Invece, al telefono con la genitrice per la loro chiacchierata settimanale (…la genitrice è l’unica donna la mondo capace di preoccuparsi ancora per il suo vecchio capo, che al lavoro la trattava come una pezza da piedi. Sono enormemente felice di non aver preso quei particolari geni da lei.), la gentile signora pensa bene non solo di informarsi sulla mia situazione, ma anche di offrire consigli spassionati e, udite udite, di darmi della sciocca.
Come se non bastasse, la genitrice ha l’intelligente (…?) abitudine di riferire al diretto interessato qualsiasi cosa il suo interlocutore telefonico dica su di lui, e ha quindi ritenuto buono e giusto informarmi della fatto che la cara signora mi ritiene, per l’appunto, una sciocca.

Naturalmente, questo curioso evento del giorno, non è finito molto bene.
O meglio, non è finito molto bene per la signora, perchè io mi sono presa la soddisfazione personale di dire a un alto dirigente di una nota grande azienda milanese di farsi gli affari propri e di pensare al suo, di figlio, che mi pare di capire sia abbastanza disastrato e non proprio dotato di intelligenza.

…E poi dicono che sono cattiva. Forse, anzi, certamente lo sono. E sono anche parecchio sfrontata.
Pur facendo di tutto – e, temo, invano – per rimanere umile, vi dirò che sono anche piuttosto intelligente.

Ma il motivo per cui chiunque si senta in dovere di immischiarsi in affari che non lo riguardano e di ottenere anche una risposta cortese alle loro domande/sentenze…beh, ammetto che va oltre la mia comprensione.