Tag

…Ma comunque ci provo a partecipare all’iniziativa di ToWriteDown espressa in questo post.
Dunque, dunque.
Cos’è per me la cultura?

Niente. E tutto.
Si tratta di un concetto talmente ampio che risulta davvero nebuloso, non trovate?
Meditando quindi sulla corretta risposta da dare a una così terribilmente semplice domanda, mi sono ricordata di una conversazione su MSN, risalente a circa due anni fa. C’era questa ragazza -una mia compagna di scuola dei tempi del liceo -che mi ha contattato su MSN, appunto, perchè non mi sentiva da un po’. Il che era un concetto eufemistico, suppongo, dato che non ci sentivamo dalla fine del liceo, due anni prima. Ad ogni modo, per cominciare la conversazione questa tizia mi ha rivelato di aver letto il mio blog sul compianto splinder e mi ha fatto i complimenti, perchè avevo una cultura incredibile.
Immagino stesse pensando alla cultura scolastica, a ciò che si impara a scuola e che il 99,9% degli alunni ritiene assolutamente inutile per la propria vita futura. Storia dell’arte, filosofia, letteratura, storia, geografia (…questo magari sarebbe importante…lo dico così, per dire ^^), latino, etc.
Tutto ciò è cultura?
Eccome! Tutto ciò sta alla base della cultura, rappresenta ciò che siamo e come lo siamo diventati, Santi Numi! E non solo, tutte quelle materie inutili, quelle lì che ti rovinavano la media, dovrebbero in teoria sviluppare il tuo animo. La tua elasticità mentale, il tuo senso del bello, la capacità di guardare oltre le scelte future…

Avrei risposto alla domanda di ToWriteDown, allora?
Proprio mentre comincio a pensare che sì, ho risposto esaurientemente all’ostico quesito, altre immagini mi affiorano alla mente.
I film. Di tutti i generi, di tutte le epoche. La musica, sempre di qualsiasi genere, anno e paese. I telefilm, i fumetti.
Tutta roba che gran parte della popolazione (sospetto che superi il 99,9% di poco prima ^^) definirebbe educatamente “intrattenimento”, e meno educatamente “passatempo da inconcludenti”. Tutta questa roba, tutti questi passatempi, fanno parte del concetto “cultura”? Io credo fermamente di sì.
E l’alta moda, e lo sport?
Avete mai visto niente di più bello e aggraziato di un vestito di Armani, o di Valentino? Niente di più divino dell’armonia nei movimenti di un atleta?

Potrei andare avanti nel mio elenco quasi all’infinito, eppure non riuscirei a mettere assieme una completa definizione di “cultura”. E avrebbe senso farlo, poi?
Sarebbe quasi un peccato limitare qualcosa di così incredibilmente vasto, libero e forse anche lontano dalla nostra comprensione nella sua interezza.

Ecco, se dovessi scrivere una frase, una sola, sul mio concetto di cultura…credo che sarebbe qualcosa di vagamente simile a questa.

<<La cultura è quella cosa che lascia un vuote incolmabile quando non c’è, ma che non ha bisogno di essere definita>>