Tag

, , ,

Stamattina ho avvertito chiaramente l’ispirazione necessaria per rispondere alla settima domanda di “30 giorni di libri”, ma poi ho aperto il Corriere e ho letto di Lei. Carla Fracci, l’indimenticabile e indimenticata ballerina di danza classica.

La signora Fracci ha avuto da ridire su una lettera arrivatale dal Pio Albergo di Trivulzio, che le chiedeva un aumento di 15mila euro sul suo canone di affitto annuale, che al momento ammonta a circa 53mila euro.
Un affitto già sostanzioso, dice l’ex etoile, per quella casuccia di 187 metri quadrati in quel di via della Spiga a Milano! Come farà la povera, famosissima vecchietta a pagare anche l’aumento, ditemi? E poco importa che il canone di affitto del già citato appartamentino dovrebbe attestarsi attorno ai 90mila euro!
La signora è un’artista! La signora ha reso grande Milano!
Come da lei dichiarato in una trasmissione su rai5, l’affitto dovrebbe pagarglielo il Comune!

Insomma, Carla Fracci è più indignata degli Indignati, e è arrivata a dare un serio ultimatum.
Cara nuova presidentessa del PAT, o si trova un accordo, o la Fracci si trasferisce a Roma.

Ecco, dunque, il giusto interrogativo che io mi pongo e pongo anche alla Grande Ballerina

Signora Fracci, le valigie le fa la sua domestica, o Le do una mano io?

 

P.S. Chissà poi come sarebbe contento Alemanno di riavere la Signora a Roma, dopo il suo exploit di qualche anni fa! ^^

Annunci