Tag

,

Per la gioia di Anniehalll , ieri sera ho visionato “The Iron Lady”, il film sulla vita della Thatcher.

Ordunque, non credo ci sia da dire molto sulla trama del film. Una Margaret Thatcher oramai anziana e sofferente di allucinazioni ricorda alcuni momenti della sua vita: da quando, umile figlia di un droghiere, approda in Parlamento a quando  viene costretta a dimettersi.

Cominciamo col dire che la signora Streep, Meryl Streep è assolutamente incredibile, favolosa. La sua resa del personaggio principale del film è a mio avviso perfetta e emozionante, forse più quando interpreta la Thatcher avanti con gli anni.
Sfortunatamente, il resto della pellicola non regge pienamente il passo con la straordinaria interprete di cui sopra.
Gli scenari e i costumi sono molto inglesi e molto conservatori (…quindi ok ^^), ma l’intero film corre più volte il rischio di essere un vero e proprio polpettone cinematografico.

La vicenda, insomma, appare statica per intervalli piuttosto lunghi, per poi subire un brusco cambio di registro durante i – troppo? – frequenti flashback. Anche se indubbiamente l’intento del regista è di mostrare la forza e nel contempo l’estrema fragilità della protagonista, le sue scelte non favoriscono la dinamicità della storia.
…E sì, lo so che non si tratta di un film d’azione, ma nemmeno di un documentario, no? Ecchediamine, se il 60% degli spettatori si addormenta come è successo nella sala dov’ero io, ci dev’essere qualcosa che non va…

Insomma, “The Iron Lady” non convince nè appassiona, nonostante gli sforzi della Streep.

Advertisements