Tag

,

…da ieri sera, ma con la speranza di riprendermi entro qualche ora.
Certo, sarebbe più facile senza gli sberleffi di interisti e juventini, immagino, ma è questo il bello dello sport, no? NO??

Diciamola tutta, meritavamo di perdere.
Non perchè non abbiamo fatto la partita, perchè il possesso palla parla da solo.
E nemmeno perchè Abate ha tirato quel liscio pazzesco (Perchè, Ignazio perchè???) che poi si è praticamente tramutato in gol…Un liscio capita a tutti, poi ci vuole anche la sfiga che un fantasma in campo fino a quel momento si svegli proprio lì e ti metta la palla in rete. Niente nomi, non ce n’è bisogno.
Il problema è che non abbiamo reagito come avremmo dovuto, che i nostri uomini di punta non si sono fatti vedere come avrebbero dovuto.
(per quanto mi riguarda, se ha intenzione di continuare a giocare così, Pato può tranquillamente migrare negli stagni francesi…che qui rischia il linciaggio da parte mia di sicuro, e probabilmente da qualche altro tifoso).

Non è successo nulla di grave, non stavamo rischiando niente, è vero. Ma perdere il derby fa sempre male, perchè è il DERBY, Santissimi Dei!!! Non la puoi giocare a quel modo una partita così!!! Meriterebbero tutte delle sonorissime frustate!
(sì, la mia poca aggressività verbale è dovuta al fatto che ho effettivamente aspettato qualche ora prima di scrivere il post, onde evitare di doverne vietare la lettura ai minorenni e agli animi impressinabili. :P)

Una cosa, però, mi consola.
Ci sono eventi, emozioni e tradizioni che non cambiano mai. Anche se cambi casa.
La fiat punto degli scorsi anni (e scorsi post sul beneamato splinder) è tornata a strombazzare sotto casa mia. Era lei, ho riconosciuto la targa.
Certe cose non cambiano mai. E grazie agli Dei, le guglie del Duomo sono ancora al loro posto.

Annunci